stilearte

sabato 16 luglio 2011

Prometeo



Zeus, re e padre degli dei, incarica il Titano Prometeo di creare una nuova razza, proibendogli di rivelare l’esistenza del fuoco, nel timore che possa nascere un uomo capace di spodestarlo dal trono, come Zeus stesso ha fatto con il padre Kronos.
Senza il fuoco, anche questa nuova razza, non potrà vivere a lungo, ma Prometeo, ama gli uomini, sa che senza il fuoco, l’umanità non può elevarsi al di sopra degli animali; segretamente, lo ruba dall’Olimpo e lo dona agli uomini…
I nostri governanti, per timore di essere spodestati, celano all’umanità molte conoscenze come i poteri della mente, free energy, altri mondi…..ma il nuovo Prometeo ora, ricorda la sua divinità e guida il suo pensiero verso la luce…..è invincibile e non si lascerà incatenare.

Per secoli re, sacerdoti, educatori,  hanno sentenziato
che l'obbedienza è una virtù
e la disobbedienza è un vizio...

ma il mito giudaico di Adamo ed Eva,
e quello ellenico di Prometeo
pongono le fondamenta dell'evoluzione umana sulla disobbedienza....
senza questi " delitti " non ci sarebbe storia umana.

Eva e Prometeo, disobbedendo, tagliano il cordone ombelicale ....
e l'essere umano compie il primo passo verso l'individualizzazione.


olio su tela
50x40
2011

5 commenti:

  1. opera presentata al
    4th QUANTUMBIONET WORKSHOP
    Dipartimento di Tecnologia dell'Informazione
    Università degli Studi - Milano
    Campus di Crema
    il 30 settembre 2011

    RispondiElimina
  2. Opera in mostra al
    PAVILLON ITALIAN CENTER di SHANGHAI
    dal 17 al 22 nov 2012
    e al TG-GRAGON MUSEUM di SUZHOU
    dal 5 al 30 dic 2012

    RispondiElimina
  3. la mostra in Cina è parte di
    CULTURAL PROJECT COOPERATION ITALY-CHINA
    QUANTUM ART EXHIBITIONS
    " The dream of flying in the sky "

    RispondiElimina
  4. Ti parrà uno strano commento, il mio, Lella, ma oso postarlo per raccontare quali emozioni ho provato guardando questo tuo dipinto, molto bello, ma anche molto allusivo. Prometeo, simbolo di insubordinazione al potere degli dei...e per me , più genericamente, di insubordinazione al potere precostituito. Complimenti per questo tuo raffinatissimo lavoro e per l' attualissimo messaggio che sottende, tratto da un mondo antico che molto ancora ci insegna ! nunzia binetti

    Vale la pena, Prometeo,
    gustare il piacere dell’eretico
    distruggere il mito e sgretolarlo
    sul pavimento in marmo, tirato a lucido, del museo civico.
    Invece, ce ne stiamo, acquattati come gatti
    con la schiena ricurva verso le intoccabili stelle
    gli occhi socchiusi
    inclini al sogno
    -Morire, forse sognare…
    sognare
    cosa, un incubo ?-
    -In nome di Dio, Lazzaro , alzati e cammina ! –
    n.b

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Nunzia, quest'opera e anche molte altre, sono la mia denuncia, il mio urlo, al momento inascoltato, ma io non mollo. :)

      Elimina